Intelligenza Artificiale e Machine Learning: un presente utilizzabile è già qui e pronto all’uso.

Futuristic centre Pompidou

Hai mai sentito parlare di Intelligenza Artificiale e Machine Learning? Certo che sì.
E hai un’idea precisa di come potrebbero influire sul tuo lavoro?
Questo post è per tutti quelli che si immaginano una via di mezzo tra un robot umanoide e un computer che gioca a scacchi, e vogliono capirci qualcosa in più.

Il futuro avanza a grandi passi, sappiamo che la parola d’ordine è “vietato restare indietro” ma fino a che non capiamo le implicazioni per il nostro business, non solo non riusciamo a coglierne le opportunità, ma ci fermiamo in preda al timore di capire male, di prendere un cantonata o di farci fregare.

Così è nato questo post, per aiutare a capire e, di conseguenza, scegliere consapevolmente verso dove puntare. Continua a leggere Intelligenza Artificiale e Machine Learning: un presente utilizzabile è già qui e pronto all’uso.

Guarda al passato per anticipare il futuro

auguri buon 2019

Qualche mese fa ho deciso di iscrivermi a diverse newsletter provenienti dal mondo della Silicon Valley, per capire meglio le linee evolutive del prossimo futuro in tema di tecnologie, marketing, social media e business.

Su questi temi gli USA arrivano prima di noi italiani, mediamente di 12-18 mesi ma la finestra temporale si sta riducendo.
Per questo motivo credo che riassumere i top trend californiani del 2018 sia utile per noi, per avere un’idea di dove stiamo andando, di cosa rinforzerà nel prossimo futuro e cosa, via via, perderà di importanza.

Fare investimenti nell’innovazione costa, avere una ragionevole certezza sul ramo scelto è doveroso, soprattutto per noi piccole imprese.

Continua a leggere Guarda al passato per anticipare il futuro

Come si fa a vendere di più?

IMG_20181013_200132_859.jpgSe avessi ricevuto un euro per ogni volta che me l’hanno chiesto, sarei già milionaria. Per quanto siamo bravi a mandare avanti la nostra azienda, abbiamo sempre l’impressione che l’arrivo di ogni nuovo cliente sia un qualcosa di magico, un misto tra motivazioni conosciute e casualità insondabili.

Crediamo che ogni nuovo cliente arrivi a noi grazie a un mix tra la nostra bravura tecnica, la fortuna di averci incontrato e il caso, che lo ha portato a noi nel momento giusto.

Ma questo è in buona parte falso. Continua a leggere Come si fa a vendere di più?

Di diversità, disabilità e innovazione.

atleta special olympicsCosa c’entrano disabilità e innovazione?

Sì, sono temi molto diversi tra loro, ma hanno un punto in comune determinante, il nostro approccio mentale.
E come ogni altra cosa in questo blog, nascono dal mio carburante preferito: parlare con le persone.

Racconto n. 1

Continua a leggere Di diversità, disabilità e innovazione.

Integrare il digitale per innovare il tuo modello di business

cover evento

“Per comprendere i tanti modi in cui il digitale può innovare una qualunque azienda, dobbiamo prima avere una chiara idea del modello di business che c’è alla base.”

Così ho iniziato sabato scorso quando, in occasione dell’evento BiDigital organizzato da Sellalab, ho parlato di strategie di innovazione per la PMI. Continua a leggere Integrare il digitale per innovare il tuo modello di business

Cosa vuol dire fare Branding?

Branding granchi senza distinzioni

Il termine branding arriva da brand e, con la sua desinenza in -ing indica un insieme di azioni volte a creare, o far crescere, un brand.

E brand in italiano vuol dire “marca”, intesa come “il nome, simbolo, disegno (o una combinazione di uno o più di questi elementi) con cui si identificano i prodotti o servizi di un’azienda al fine di differenziarli da quanto offerto dai concorrenti” (fonte Wikipedia).

Brand è ciò che rende riconoscibili i prodotti/servizi offerti, li distingue da quelli della concorrenza e influenza e orienta le nostre scelte di acquisto, in positivo o negativo.

Continua a leggere Cosa vuol dire fare Branding?

Paura di sbagliare: sano timore o campanello d’allarme?

guardo san francisco dall'alto come se dovessi saltare

Cambiare spaventa perché abbiamo paura di fallire.

Di prendere la strada sbagliata, di sprecare il nostro tempo, di buttare via soldi.
Abbiamo paura che la nostra idea non funzioni, che vivremo con il rimorso di aver preso la decisione sbagliata, e che alla fine dovremo dare ragione a chi ci diceva “lascia perdere”.
È normale avere paura di sbagliare, per me, per te e per chiunque al mondo, soprattutto di fronte a una scelta importante, che comporta un cambiamento sostanziale della tua vita o della tua attività lavorativa.

La paura: lotta o fuga

La paura è il modo in cui il nostro cervello ci dice due cose: “cosa aspetti, buttati!” (lotta) oppure “fermati, rifletti” (fuggi).
Per lanciarsi abbiamo bisogno di un paio d’ali, altrimenti ci facciamo male.
Ed è tutta qui la differenza:

hai un bel paio di ali con cui buttarti nell’ignoto?

Continua a leggere Paura di sbagliare: sano timore o campanello d’allarme?

Quale cappello delego?

indossa il mio cappelloNel guidare le nostre imprese saltiamo da un compito all’altro come cavallette impazzite.
Ma quando arriviamo a non farcela più, quando dobbiamo per forza delegare, come facciamo a decidere cosa, come e a chi?

Continua a leggere Quale cappello delego?

Dove ho trovato il coraggio di cambiare.

guarda avanti con fiduciaCome buttarti nell’avventura dei tuoi sogni, senza paura del giudizio altrui – ti racconto la mia esperienza.

Prima di mettermi in proprio la mia paura più grande era che tutti mi avrebbero riso dietro, criticato  in mille modi, cercato di fermare.
“Hai un lavoro nel pubblico, il contratto più sicuro che esista, cosa vuoi di meglio nella vita?”
Io volevo di più.
In quel mondo in cui gli altri stavano bene, io mi sentivo stretta, incompresa, sola.

Ma mi vergognavo ad ammetterlo, perché “non ti puoi lamentare se hai un lavoro fisso e sicuro, là fuori è pieno di gente che sta molto peggio”.

Verissimo, ahimè, ma i sogni se ne fregano del mondo reale.

E quindi stavo zitta, e soffrivo.

Continua a leggere Dove ho trovato il coraggio di cambiare.

Come funziona l’approccio data-driven?

barche al tramonto senza una rottaConosciamo i nostri clienti, i punti di forza e di debolezza della nostra attività e i normali alti e bassi del nostro settore, i periodi di stanca” dell’anno.
Ma allora com’è che non capiamo perché questo mese non abbiamo “venduto” abbastanza?

Continua a leggere Come funziona l’approccio data-driven?